martedì 27 giugno 2017

Procedo

Continuo con discreta regolarità gli allenamenti alternando come sempre uscite redditizie ad altre meno felici, affrontando comunque questa nuova avventura sempre con entusiasmo e voglia di crescere.
Ho avuto una giornata "super' durante la quale sono riuscito a correre come non facevo da tanto tanto tempo, e devo dire che il piacere di non sentire dolore o fastidio alcuno è stato un vero toccasana..
Purtroppo ne è seguita subito una abbastanza disastrosa perchè purtroppo quando si preannuncia come adesso un cambiamento metereologico, ho fastidio all articolazione del ginocchio, e dunque sono costretto a procedere più cauto, poco male... Procedo nella giusta direzione nel attesa del fine settimana nel quale, come da progetto, ho in mente un giro un pochino più lungo nel quale inserire il bellissimo sentiero del onda e la fonte carbonara partendo ,con trasferimento motorizzato, dallo sterrato del Pisciavino , direi circa 7km di Trail puro in un circuito che potrebbe divenire uno dei più validi e vari della zona.

sabato 24 giugno 2017

Venerdì nuovo anello, oggi riposo.

Venerdi pomeriggio produttivo quello trascorso.
sono salito in motorino sulle alture di Laigueglia per avventurarmi nel solito anello di circa 6km, ma trascorso il primo ho deciso di inserire una variante per evitare il sentiero del campo che reputo troppo impegnativo per le caviglie....infatti la sua conformazione a sponde alte, con la parte centrale molto scavata, rende piuttosto difficile la posizione del piede, mettendo in difficoltà chi poco esperto ed allenato come me, tenta di percorrerlo.
Ho così optato per una nuova parte "centrale" rimanendo molto più in cresta riuscendo a conti fatti a percorrere praticamente lo stesso chilometraggio, ma con un più vario e largo cammino.
Sono riuscito dunque ad ottenerne una buona andatura, ed ho corso senza fermarmi per parecchio tempo, ed ho patito davvero poco, spostando di fatto l' asticella verso l'alto e prendendo morale dopo le ultime non felici sortite.
Ho invece riposato oggi per mettere in atto un nuovo giretto domani quando, tempo,permettendo, cercherò di allungare i tempi per concludere in bellezza una settimana abbastanza produttiva .

martedì 20 giugno 2017

Onda...

Dopo un Lunedì di riposo, una bella uscita pomeridiana ci voleva !
Mi sono portato in motorino sulle alture di Alassio è più precisamente all area pic-nic in località Solva a ridosso del meraviglioso sentiero dell Onda che avevo in mente da tempo di provare, sono partito dunque camminando nel primo tratto di salita piuttosto accidentata riscaldando un pochino la muscolatura riuscendo poi ad essere abbastanza lucido e rapido nella parte "mangia&bevi" che caratterizza il tortuoso trail fino quasi ad Albenga , sensazioni molto positive con alcuni tratti affrontati addirittura con il freno a mano tirato perché non avevo idea di quanto avrei speso, alla fine il tratto del onda è risultato circa 2 km e dunque per nulla impossibile, e devo ammettere che un pensiero a chiudere il giro passando dalla fonte carbonara mi è venuto, ma il tempo è sempre tiranno, e ho dunque girato i tacchi tornando dalla via dell andata senza alcun problema.
Come sempre i tratti in falsopiano sono risultati quelli più congeniali al mio stato di forma, mentre la discesa mi ha fatto "tribulare" un pochino di più sia per il terreno sdrucciolevole che per le mie gambette ancora acerbe.
Devo ammettere di essermi piaciuto, ed a parte un dolore alla caviglia sx che mi tormenta un pochino, mi sono sentito bene.



domenica 18 giugno 2017

Circuito casalingo al contrario

come da programma sono uscito ieri sera per affrontare il solito tracciato, ma questa volta al "contrario".
Bene la prima parte con poca salita che mi ha permesso di riscaldarmi un po', prima salita poi piuttosto impegnativa ma fattibile con vari cambi di pendenza che mi sono piaciuti, parte centrale altrettanto valida, discesa finale lunghetta... Non troppo ripida, ma più lunga e dunque diciamo che quasi si equivale al tracciato originale che prevede la discesa meno lunga ma più ripida...
Mmmm.. Vabbè , l'esperimento l'ho fatto, peccato solo che a metà giro mi sia andato in "palla"il telefono e non abbia potuto registrare il giro completo, direi che comunque sono stato impegnato per circa un ora con i canonici 6 km con una condizione buonina ed una continuità in netto miglioramento .
Ora penso di riposare Lunedì, e uscire in circuito "alto" martedì, mentre sto studiando nuovi percorsi per continuare anche l'opera di tracciatura dei sentieri a piedi.

sabato 17 giugno 2017

Circuito di "casa"

nonostante gli impegni, anche oggi in serata sono riuscito a sciropparmi cinque chilometri sul tracciato "cittadino" che parte ed arriva a casa e che comprende praticamente solo salita e discesa con la benché nulla presenza di tratti pianeggianti.
Ho camminato nella prima parte cercando di correre nella parte centrale riuscendo a compiere un ottimo tratto senza sosta e finalmente senza dolori, al momento non trovo necessità di cambiamenti se non nel utilizzo di un copricapo per le ore più soleggiate, mentre trovo perfetta la maglia da bici con tasche posteriori , i pantaloncini "decatlon" molto leggeri, con un sacco di tasche, freschi, economici e molto carini, molto bene anche le scarpe Hoka che con la loro altissima capacità di assorbimento rendono giustizia alle mie articolazioni piuttosto provate.
Ho adesso in mente di porre alcune modifiche a questo tracciato perché la parte finale di mulattiera trovo che sia troppo impegnativa, per il momento, a livello muscolare, e dunque proverò a girare al contrario alla ricerca di una sessione più lineare e con una discesa meno traumatica, un test che forse già domenica sera sarò in grado di effettuare.

venerdì 16 giugno 2017

Altro giro altro regalo...

Ancora una piccola sessione di allenamento con sempre il trasferimento in motorino.
Oggi sono partito dal versante del percorso verde dopo un breve corsetta di riscaldamento su asfalto, bene la prima salita e tutto il tratto iniziale , meno bene la parte centrale durante la quale ho avuto le gambe molto "dure" ed ho dovuto quindi procedere camminando per limitare i "danni", ho comunque portato a casa circa 6 km anche se con poca continuità , domani, tempo permettendo, ritornerò in zona continuando a lavorare sodo... Non si molla !!

giovedì 15 giugno 2017

Chiaroscuro in cresta

titolo che parla "chiaro" sulla sessione odierna di allenamento che mi ha visto protagonista in cresta a Laigueglia.
Ho fatto il trasferimento in motorino fino al luogo di partenza per due semplici motivi : il primo perché il tempo a disposizione è sempre molto limitato, ed il secondo perché il tratto che più mi da "fastidio" alla gamba è la discesa, e dunque partendo già in "quota" riesco a fare solo ciò che mi riesce meglio eliminando alla radice il problema, oltretutto limito il tratto in bitume che mi piace meno.
Sono partito abbastanza convinto, armato solo di una piccola borraccia nella tasca posteriore, che a breve sostituirò con una più professionale, ed il mio cellulare con avviato Strava per monitorare l'attività, ho cercato di non essere troppo precipitoso alternando tratti di cammino ad altri di corsetta riuscendo ad essere abbastanza incisivo nel primo tratto, incappando però in un momento "buio" nel secondo, sul sentiero del campo, dove, complice un sentiero concavo, ho avuto problemi di doloretti diffusi con difficoltà a procedere e relativi stop di sosta... Momento per nulla facile... ed ho dunque dovuto procedere a passo di lumaca riuscendo solo dopo una quindicina di minuti a riprendere la corsa durante la quale ho anche capito di utilizzare troppo poco l'articolazione della caviglia e cercando dunque di migliorare il gesto atletico, effettivamente correre risulta piuttosto difficile per me, e mi muovo davvero in maniera impacciata e goffa, pazienza, migliorerò ...
Ho comunque chiuso la giornata con i previsti sei chilometri in poco più di un ora, consapevole che il tempo mi darà ragione e che per iniziare a fare qualcosa in più dovrò soffrire ancora.

mercoledì 14 giugno 2017

Oltre la Fatica

difficile, molto difficile, forse ancora più difficile del previsto questo inizio di avventura a piedi che mi sta regalando forti emozioni ma anche tanti dolori.
Le gambe non girano per nulla e la corsa, pur lenta, sembra essere uno scoglio insormontabile con i piedi che faticano a sollevarsi da terra rendendo il gesto atletico goffo e per nulla sciolto, sono poco agile e godo di una reattività davvero limitata che ovviamente sto cercando di migliorare cercando di non forzare i tempi ed allungando i tempi di riposo pur non ottenendo al momento risultati di rilievo.
Ci vorrà tempo, forse più tempo del previsto, ma comunque cercherò di essere il più incisivo possibile in attesa di tempi migliori.
Ho già fatto alcune uscite di allenamento alternando giornate incoraggianti ad alcune demoralizzanti, e se penso a quella di ieri , mi verrebbe voglia di lasciar perdere, ma non voglio mollare, aspetto il giorno di riuscire a sentire la sensazione di "galleggiamento" e di poca fatica con la quale riuscire a concludere in relativa scioltezza il giro.

martedì 13 giugno 2017

Una nuova avventura

Sono tornato !!
È questa è la prima sorprendente novità, un blog oramai privo di contenuto, alla deriva come un vecchio relitto che viene "ripescato" dal suo armatore che intende restaurarlo e rimetterlo sulla cresta dell'onda per continuare a navigare insieme .

Sono passati quasi due anni ed in tutto questo tempo è ovviamente capitato di tutto e di più, ho adesso  due Figli Maschi, non ho più la Mtb... e non praticavo sport da circa un anno...questo perché a distanza esatta dal primo infortunio al piatto tibiale , ho avuto un infortunio in Mtb con rottura del femore della stessa gamba...
Questo ovviamente ha influito su tutto il mio prosequo ciclistico portandomi alla drastica decisione di archiviare la "pratica" ciclismo che ho tanto amato, facendomi concentrare sulla guarigione e sul fatto di poter tornare a vivere una vita normale con meno strascichi possibili.
Infatti, con un perno di 25 cm nel femore ed una placca con tre viti nella tibia, l'ultimo dei miei pensieri sarebbe quello di tornare in sella, cercando dunque di rimanere più lontano possibile dai possibili guai cercando comunque una alternativa alla sedentarietà ed al possibile decadimento fisico.
Questo in breve il racconto in sintesi del accaduto che mi ha tenuto lontano ulteriormente dal blog che era già stato comunque fortemente penalizzato dal primo accaduto e che ha visto la sua definitiva fine molto ma molto da vicino....
In questi giorni però una nuova fiamma ha cominciato ad ardere nel mio cuore, ed un nuovo, per me, sport a fare breccia ... IL Trail Running... La disciplina che meno si addice ad un caso come il mio, ma che mi affascina come tutte le imprese impossibili...e che rende giustizia alla mia voglia di correre (tipica di chi si rompe una gamba) .
A seguito di questa nuova avventura, riparte dunque anche il blog , orientato e spaesato come me in questo nuovo viaggio che in comune alla Mtb ha solo i sentieri ed il sudore, nella speranza che questo mio diario possa servire a strapparvi un sorriso, che l'avventura ricominci !

Procedo

Continuo con discreta regolarità gli allenamenti alternando come sempre uscite redditizie ad altre meno felici, affrontando comunque questa ...